.

.

Latest Posts:

Gli scienziati si preparano a perforare ‘ground zero’, la zona dell’impatto meteorico che avrebbe ucciso i dinosauri

gg_60212W_CraterDurante il mese di marzo, una piattaforma di perforazione sorgerà nel Golfo del Messico, ma non avrà come obiettivo il petrolio. Gli scienziati cercheranno di perforare nel cuore del Cratere di Chicxulub, dove sarebbero sepolti i resti dell’impatto dell’asteroide che 66 milioni di anni fa, avrebbe ucciso i dinosauri, insieme con la maggior parte altre forme di vita sul pianeta. Gli scienziati sperano che i nuclei di roccia recuperati contengano indizi su come la vita è tornata a scilujpparsi sulla scia del cataclisma, e se il cratere stesso possa avere generato altre tipologie di vita microbica. Le perforazioni saranno effettuate in una cresta circolare all’interno del dei 180 chilometri del bordo del cratere, così gli scienziati sperano di poter spiegare il modo in cui questi “peak rings,” caratteristiche creste dei più grandi crateri da impatto, prendono forma.

“Chicxulub è l’unica struttura conservata con un anello di picchi intatto a cui si possa arrivare”, ha dichiarato il geofisico Sean Gulick della University of Texas, co-responsabile scientifico per il progetto di 10 milioni di dollari, promosso dal Programma Internazionale Ocean Discovery (IODP) e l’International Continental Scientific Drilling Program. “Tutti gli altri sono stati erosi o si trovano su altri pianeti.”

Alla fine di marzo, una nave appositamente attrezzata salperà dal porto messicano di Progreso per arrivare ad un punto a 30 chilometri dalla costa in mare aperto. Lì, in acque di 17 metri di profondità, la barca affonderà tre piloni fino al fondo del mare e si alzerò sopra le onde, creando una piattaforma stabile. Entro il 1° aprile, il team prevede di iniziare la perforazione, passando rapidamente attraverso 500 metri di calcare che sono stati depositati sul fondo del mare dopo l’impatto. Dopo di che, le trivelle estrarranno carotaggi, con segmenti di 3 metri di lunghezza, andando man mano di più in profondità. Per 2 mesi, lavoreranno giorno e notte, nel tentativo di andare in profondità di un altro chilometro, alla ricerca dei cambiamenti di tipi di roccia, la catalogazione di microfossili, e la raccolta di campioni di DNA (vedi figura sotto). “Abbiamo un solo tentativo a disposizione per cercare di ottenere questo risultato fino a 1500 metri”, dice David Smith, IODP operations manager presso il British Geological Survey di Edimburgo, Regno Unito

030416id_chicxulub_onlinefinal_g_1280
 Chicxulub
(Diagramma) V. Altounian / SCIENZA ; (FOTO) Chris Jenson, DES; Dave Smith, ECORD; Michael Rymer; DAVID KRING; Società Geologica d’America; Artography / SHUTTERSTOCK; Vilax / SHUTTERSTOCK; HINRICH BAESEMANN / ALAMY

Anche se questo è il primo tentativo in mare aperto di perforare nel cratere, gli operai delle stazioni petrolifere hanno perforato nella zona in cerca di petrolio, anche prima che gli scienziati sapessero che ci fosse un cratere. Nel 1950, i geologi della Pemex, la compagnia petrolifera nazionale del Messico, hanno fatto ricerche sulla gravità e magnetismo della penisola dello Yucatan e sono stati sorpresi di vedere curiose strutture sotterranee circolari. Hanno perforato creando diversi pozzi esplorativi, ma hanno perso interesse quando hanno trovato rocce ignee vulcaniche, invece di sedimenti oleaginosi. “Quando hanno trovato le rocce ignee, hanno detto, ‘questa è una zona di origine vulcanica,’”, ha dichiarato Alan Hildebrand, geologo presso l’Università di Calgary in Canada.

Nel 1980, tuttavia, il premio Nobel Luis Alvarez e altri avevano richiamato l’attenzione su un sottile strato di materiale di iridio che è possibile possa essere arrivato con un asteroide, minerale trovato in tutto il mondo nelle rocce del tempo dell’estinzione dei dinosauri. E’ stata questa la firma, hanno detto, di una causa precedentemente insospettata delle estinzioni dei grandi animali: un gigantesco impatto meteorico. Nel 1991 Hildebrand e colleghi indicarono il villaggio di Chicxulub come sito del cataclisma, trovando cristalli di quarzo sconvolti da un impatto meteorico in campioni prelevati dalla Pemex Wells. “

I dati provenienti dai pozzi Pemex erano incompleti, e così gli scienziati hanno sempre voluto tornare sul posto per uno sguardo dettagliato dell’impatto e le sue conseguenze, ha detto lo scienziato co-chief Joanna Morgan dell’Imperial College di Londra. “Sembra l’ambizione di una vita che si avvera”. Anche se le perforazioni offshore sono costose, dice che lavorare in mare significa che la squadra dovrà affrontare meno problemi, condizioni ambientali permettendo, non dovendo fare i conti con strade dissestate del Yucatán. Nel 2005, Morgan e Gulick avevano utilizzato un finanziamento di 2 milioni di dollari, per alcune campagne di telerilevamento usando piccole esplosioni sismiche per contribuire a illuminare le strutture sotterranee e individuare il punto migliore per raggiungere il “peak rings”.

Quando la trivella si avvicinerà al cratere, a 800 metri di profondità, gli scienziati si aspettano di trovare un minor numero di specie di animali negli strati di calcare, perché la vita si è ripresa appena passato l’impatto. Alcuni scienziati pensano che l’anidride carbonica rilasciata dall’impatto avrebbe acidificaoi gli oceani, contribuendo alle estinzioni, quindi la squadra cercherà di capire se gli animali del fondo marino poco dopo l’impatto fossero specie che tollerano pH basso.

Appena sopra il cratere si trova uno stratod’ impatto spesso circa 100 metri, che si sarebbe depositato nelle settimane dopo il cataclisma. Alla sua base, gli scienziati si aspettano di trovare un miscuglio di pezzi di roccia fatti saltare in aria dall’impatto e rocce che, una volta fuse, sono ricadute di nuovo nel cratere nei minuti dopo l’impatto stesso.. Lo strato di impatto può essere stato ricoperto da depositi induriti di cenere che persistettero nell’atmosfera per settimane o più prima di ricadere al suolo.

030416IWeb_Chicxulub_GG2_1_Update0303_0
Chicxulub
(Diagramma) V. Altounian / SCIENZA ; (MAP) Sean Gulick, Università del Texas
Per molti degli scienziati IODP, la cosa principale sarà raggiungere il Peak’s Ring. Questi abbondano sulla Luna, Mercurio e Marte. Ma sulla Terra, ci sono solo due crateri più grandi di Chicxulub che dovrebbero avere anche gli anelli di punta: quello di Vredefort in Sud Africa, e quello di Sudbury in Canada, ma sono così vecchi che gli anelli di picco sono stati erosi.

Blue Planet Heart
tratto da www.sciencemag.org

Condividi su Google Plus

About Redazione

This is a short description in the author block about the author. You edit it by entering text in the "Biographical Info" field in the user admin panel.
    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento