Lega, anche i Giovani Padani voltano le spalle al Nord: si cambia nome. E Salvini lancia il congresso per azzerare i “gufi”

4 0

Mentre Salvini si gode il successo elettorale e coltiva ambizioni governative, in casa Lega fa ancora discutere la perdita di identità: “Nei prossimi giorni il nome del movimento Giovani Padani sarà cambiato in Lega giovani“. A spiegarlo è il coordinatore federale del Mgp Andrea Crippa – 31 anni e un biglietto per Roma staccato nel collegio uninominale di Bollate – in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. Una notizia che ha fatto trasalire i vecchi militanti, tanto che da qualche ora nelle bacheche digitali dei più nostalgici è tutto uno sfogo: “Questa volta il sogno è finito davvero”.

La scelta di Crippa (che verrà dettagliata al direttivo federale del movimento politico giovanile di domenica prossima) si inserisce nel solco tracciato da Matteo Salvini, che nei mesi scorsi ha definitivamente traghettato il partito oltre il Po, togliendo la parola Nord dal simbolo e creando un partito nazionalista a sua immagine e somiglianza. “Si sono organizzati gruppi di giovani in tutte le regioni – spiega Crippa -. In Lazio, Umbria, Calabria e Abruzzo i numeri sono davvero importanti. Avrebbe poco senso continuare con il nome storico”.

Alla luce del risultato elettorale incassato dal nuovo corso della Lega è impossibile dare torto al giovane deputato. La scelta della svolta nazionale del Movimento Giovani Padani va nella stessa direzione imboccata dal partito, depurato di qualsiasi riferimento al Nord e al passato secessionista. L’archiviazione del passato procede a passi serrati. Sul tavolo del consiglio federale di lunedì prossimo ci sono le nuove tessere del partito. Anche in questo caso vecchi simboli e vecchi nomi lasceranno spazio a quelli nuovi, via il Sole delle Alpi, il leone di San Marco, via l’indipendenza della Padania e – teme qualcuno – via anche l’Alberto da Giussano. Il simbolo tra i simboli.

Domenica mattina, alla scuola politica di Milano, Salvini si è premurato di appuntarsi al petto la spilla con l’effige storica, puntualizzando che “il nostro simbolo di lotta e di libertà non si tocca” spiegando poi che lo stesso andrà messo “a disposizione di milioni di italiani che fino a poco fa ne erano lontani”. Insomma, Salvini spiega le ragioni del mutamento di pelle. E oggi può farlo da una posizione di indubbio vantaggio, parlando ai suoi con franchezza e amore paterno, cercando si rendere digeribili decisioni che ancora oggi, nonostante quel 18% di consensi in cassaforte, vengono ritenute eretiche dai leghisti della prima e della seconda ora: “Ringrazio chi c’è da tantissimi anni – ha detto il segretario -. La mia prima tessera della Lega data autunno 1990, quindi 28 anni fa e di acqua sotto i ponti ne è passata”. Poi il salto al presente: “Però ringrazio anche chi è si è aggiunto questa mattina. C’è anche un mondo che non ci ha votato, che è rimasto a casa, è rimasto alla finestra, che magari nelle regioni del Centro e nelle regioni del Sud non ha avuto la forza di votare la Lega. Quindi dobbiamo non solo rispondere a chi ci ha dato fiducia, ma anche parlare a quel mondo che ha fatto altre scelte elettorali ma che è pronto a sostenerci”. Insomma, cari vecchi leghisti, per mangiare la torta bisogna ingoiare anche il boccone amaro.

Sarà. Ma sono in molti a non gradire. “Assistiamo a un venduto che si presta ad un processo di romanizzazione e di annullamento della causa leghista… è il sud che vuole portare nella bara tutto il paese con se” e, ancora: “Col 18% Salvini non va da nessuna parte… ha solo distrutto un grande movimento“. Un commento, tra le centinaia che scorrono sui social network in queste ore di dibattito interno, riassume alla perfezione la posizione dei nostalgici: “Prima tolgono la parola Nord dal nostro simbolo, adesso l’Alberto da Giussano, tutto sempre per ‘non turbare la sensibilità dei nuovi elettori mediterronei’. Lo considero un gesto vile, al pari di quelli che non festeggiano il Natale o tolgono il Crocifisso per ‘non turbare la sensibilità dei mussulmani’“.

Se tra le fila leghiste c’è chi ancora oggi si immolerebbe per un Nord indipendente, va rilevato che nel dibattito 2.0 non mancano i sostenitori dell’operato del segretario. Sono i nuovi adepti, quelli folgorati sulla via di Damasco, che saliti sul Carroccio salviniano ammoniscono i malpancisti: “Bravi dividiamoci pure noi così torniamo all 0,6%. Voi volete solo i voti del nord? Fate voi. Io sono in Toscana e continuerò a votarlo, a me interessano i programmi, non le cazzate“.

Salvini dal canto suo, ha le idee chiarissime e ritiene marginali le voci di dissenso interno (lo accusano di aver ‘affossato la gloriosa Lega Nord per riesumare la putrida Alleanza Nazionale‘), lanciando anche una prossima stagione congressuale, utile negli intenti a marginalizzare ulteriormente le voci di dissenso rimaste nonostante il boom del 4 marzo: “Sono contento che siano stati smentiti quei gufi da salotto che dicevano che la scelta nazionale della Lega ci avrebbe penalizzato al Nord, non abbiamo mai preso così tanta fiducia e consenso”. E, continua: “Il percorso della Lega mi sembra chiaro e se ne sono accorti tutti sia dentro sia fuori ed è stato accettato con entusiasmo sia dentro sia fuori. Quindi, prima viene la possibilità di andare al governo per passare dalle parole ai fatti e poi la Lega farà i suoi e passaggi che deve fare: sì, ci sarà un congresso”

L’articolo Lega, anche i Giovani Padani voltano le spalle al Nord: si cambia nome. E Salvini lancia il congresso per azzerare i “gufi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Powered by WPeMatico