L'eruzione del vulcano sottomarino del Pacifico meridionale provoca uno tsunami sull'isola di Tonga

 L'eruzione del vulcano sottomarino del Pacifico meridionale provoca uno tsunami sull'isola di Tonga

Le autorità tongane non hanno segnalato per ora nessuna vittima, ma diverse aree rimangono isolate dalle comunicazioni.

La violenta eruzione di un vulcano sottomarino vicino all'isola di Tonga nel Pacifico meridionale ha innescato uno tsunami che ha colpito la costa della nazione insulare e ha fatto scattare l'allarme in altri paesi della regione. 


"Onde di circa 1,2 metri sono state registrate a Nuku'alofa [la capitale di Tonga di circa 24.500 persone]", ha riferito l'Australian Weather Service sul suo account Twitter. Le autorità locali di Tonga, dove vivono circa 71.000 persone, non hanno finora riportato vittime, mentre i media locali avvertono che diverse aree del paese rimangono tagliate fuori.


Il vulcano sottomarino Hunga-Tonga-Hunga-Ha'apai, situato a circa 65 chilometri a nord dell'isola tongana di Tongatapu, aveva già eruttato per circa otto minuti intorno alle 17:20 ora locale, inviando un enorme pennacchio di cenere a chilometri di distanza in aria. La violenta esplosione è stata registrata nelle immagini satellitari, secondo il servizio meteorologico dell'isola statunitense delle Hawaii.

$ads={1}

L'assalto feroce delle onde ha colpito case ed edifici lungo la costa settentrionale di Tongatapu circa 15 minuti dopo, secondo i video postati sui social media dai testimoni, alcuni dei quali si sono riparati sui tetti delle loro case. 

eruzione del vulcano sottomarino del Pacifico


Altri filmati mostrano almeno cinque persone, compresi i bambini, che si rifugiano in una chiesa locale proprio quando l'acqua comincia a colpire le finestre del complesso della chiesa. Un autista ha colto l'improvviso innalzamento delle acque alluvionali, che sfondavano muri e recinzioni, mentre un'altra auto cercava di evitare di essere catturata facendo retromarcia. Radio Nuova Zelanda ha riportato scene di panico mentre la gente cercava di fuggire nelle zone interne dell'isola.


L'Hunga-Tonga-Hunga-Ha'apai ha già registrato un aumento dell'attività venerdì, che ha fatto scattare temporaneamente un altro allarme tsunami, ma non ha provocato un aumento delle acque. In vista dell'attuale emergenza, le autorità tongane hanno chiesto a tutta la popolazione di stare lontano dalle spiagge e dalle coste fino alle 16:00 di domenica e di indossare maschere facciali in caso di ricaduta di cenere.

$ads={2}

A differenza degli tsunami scatenati dai terremoti, dove le placche tettoniche scaricano la loro forza e un secondo tsunami è improbabile, il vulcano potrebbe eruttare di nuovo violentemente, creando un'altra feroce onda anomala.




FrancK

Ricercatore Scientifico e Laureato in scienze e astronomia

Posta un commento

Nuova Vecchia