Un archeologo scopre il segreto del particolare allineamento delle piramidi

3356 0

Per secoli, le piramidi di Giza hanno affascinato e suscitato molte domande nei ricercatori e archeologi, non solo i loro misteriosi vuoti strutturali e le camere nascoste , ma esattamente come gli antichi egizi fossero in grado di costruire strutture così imponenti senza la tecnologia moderna.


Uno degli enigmi rappresente il modo in cui le strutture sono state così perfettamente allineate.
Sebbene siano leggermente sbilenchi , i lati quadrati della Grande Piramide di Giza di 138,8 metri, conosciuta anche come la Grande Piramide di Khufu, sono invece assolutamente dritti e allineati quasi perfettamente lungo i punti cardinali, nord-sud-est-ovest.
“I costruttori della Grande Piramide di Khufu hanno allineato il grande monumento ai punti cardinali con un’accuratezza migliore di quattro minuti di arco, o un quindicesimo di grado”, scrive l’archeologo e ingegnere Glen Dash in un nuovo articolo su The Journal of Ancient Egyptian Architecture
In effetti, tutte e tre le più grandi piramidi egiziane, due a Giza e una a Dahshur, sono notevolmente allineate, in un modo che non ti aspetteresti di vedere visto che sono state costruite in un’era senza droni, progetti e computer. “Tutte e tre le piramidi presentano lo stesso tipo di errore: sono leggermente ruotate in senso antiorario rispetto ai punti cardinali”, aggiunge Dash .
Mentre esistono molte ipotesi su come abbiano progettato tutto questo, anche usando la stella polare per allineare le piramidi, o l’ombra del Sole, nessuno è stato in grado di inchiodare esattamente come funzionavano.
Nel 2018, Dash ha avuto un’altra idea più semplice. Le sue recenti ricerche ipotizzano che gli egiziani approssimativamente 4.500 anni fa avrebbero potuto utilizzare l’equinozio d’autunno per ottenere un perfetto allineamento. L’equinozio è considerato il momento in cui, due volte l’anno, il piano dell’equatore terrestre passa attraverso il centro del disco solare, e la lunghezza del giorno e della notte sono praticamente uguali. Precedentemente le misure dell’equinozio erano state trascurate come possibile metodo di allineamento, poiché si presumeva che non avrebbe fornito una precisione sufficiente.
Ma l’ultimo lavoro di Dash mostra che c’è un modo in cui avrebbe potuto funzionare, usando una verga conosciuta come gnomone.
Per capirlo, Dash ha effettivamente fatto il suo esperimento, a partire dal primo giorno dell’equinozio d’autunno del 2016, il 22 settembre usando uno gnomone per generare un’ombra.
Tracciava il punto dell’ombra a intervalli regolari, formando una curva liscia di punti. E alla fine della giornata, con un pezzo di corda teso avvolto attorno al palo, intercettò due dei punti della curva e creando una linea quasi perfetta che correva da est a ovest.
Questo è anche noto come metodo del cerchio indiano e puoi vederlo nell’animazione qui sotto.

“Sull’equinozio, un qualsiasi geometra scoprirà che la punta dell’ombra corre in linea retta e quasi perfettamente est-ovest”, scrive Dash .

Ha anche mostrato che il grado di errore che si evince avviene leggermente in senso antiorario, che è simile al leggero errore riscontrato nell’allineamento delle piramidi di Khufu edi Khafre a Giza e nella piramide rossa di Dahshur.

L’esperimento è stato condotto in Connecticut, negli Stati Uniti, ma Dash ha detto che la stessa cosa dovrebbe avvenire in Egitto. Ha aggiunto che gli egiziani sarebbero stati in grado di calcolare l’equinozio d’autunno contando 91 giorni in avanti a partire dal solstizio d’estate.

Ma sebbene il suo articolo dimostri che questa tecnica avrebbe potuto essere utilizzata per allineare le piramidi, non abbiamo ancora prove concrete che avvenisse effettivamente in questo modo.

“Gli egiziani, sfortunatamente, ci hanno lasciato pochi indizi: non sono stati trovati documenti di ingegneria o piani architettonici che diano spiegazioni tecniche a dimostrazione di come gli antichi egizi allineavano i loro templi o le loro piramidi”, ha dichiarato Dash .

Questo nuovo articolo fa un punto interessante: qualcosa di così semplice come mappare le ombre durante l’equinozio d’autunno avrebbe potuto essere abbastanza sofisticato da allineare alcune delle strutture più importanti e longeve dell’umanità.

Il paper può essere consultato per intero sul  Journal of Ancient Egyptian Architecture .

blueplanetheart.it

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *